LA NASCITA DEL CIRCOLO ACLI FALCO

Il Circolo F.A.L.C.O. è nato nell'immediato dopoguerra come punto di aggregazione e di svago degli abitanti dell'epoca. E' stato costruito con grandissimi sacrifici sia materiali che finanziari dai primi soci, ai quali vanno il plauso e la gratitudine di tutti gli abitanti della frazione.
Appena terminata la struttura e costituito il circolo denominato F.A.L.C.O. (che significa
Filodrammatica Amici Lavoratori Casine Ostra), fu formato il primo organo dirigente composto da tutti coloro che in prima persona collaborarono alla realizzazione di tale realtà.
SOCI FONDATORI:
PEVERINI BRUNO, PIRANI PRIMO, BELLOCCHI ALFIERO, CURZI UMBERTO, FRANCESCHINI ANTONIO, VESCHI DUILIO.
PRIMI SOCI:
ABBRUCIATI VINCENZO, AGARBATI ALDO, ANTICI VITTORIO, BIGELLI AMORVENO, BRUNETTI GIUSEPPE, BRUNETTI LIVIO, BUSCHI NAZZARENO, CURZI AUGUSTO, FAZI ERINO, FRANCESCHINI MARIO, GIULIANI AMERICOGIULIANI ANTONIO, GIULIANI MASSIMO, LANDI EMILIANO, LAVORATORNOVO ALFIO, MANCINI RENATO, MANONI AGOSTINO, MANONI AUGUSTO, MANONI IVO, MANONI MARCELLO, MANONI ORNELLO, MANONI SERGIO, MARCHETTI MARIO, MARCHETTI VITTORUGO, MAZZANTI LIVIO, MAZZANTI POMPEO, MENTUCCI ELIO, OLIVI MARCELLO, PANICONI ALBERTO, PANICONI IVO, PETRINI RENATO, PIERPAOLI GINO, PIRANI IVANO, ROSSETTI EMILIO, SDRUCCIOLI ALFIO, SDRUCCIOLI LORENZO, SDRUCCIOLI NANDO, TONELLI CARLO, ZOPPI AUGUSTO.
Dopo un periodo iniziale di grande entusiasmo, come spesso accade, con il passare del tempo e
per vari motivi, l'impegno nella gestione della struttura è venuto meno e per parecchi anni il Circolo F.A.L.C.O. è rimasto chiuso.
Alla fine degli anni settanta, con la sapiente regia del maestro Ovidio Bartoletti, la struttura è stata rimessa di nuovo in funzione, dopo vari interventi di ripulitura e risistemazione, con il nome di Circolo ACLI-FALCO, ritenendo opportuno agganciarsi alla rete dell'Associazione Cattolica Lavoratori Italiani.
Ovviamente è stato formato un
nuovo gruppo dirigente, sempre trainato da Ovidio Bartoletti, il quale negli anni ha dedicato a questa realtà tantissimo impegno.
Questo suo interessamento non è mai mancato anche quando gli impegni di amministratore locale (vice Sindaco prima e Sindaco del Comune di Ostra poi), lo hanno occupato, insieme con la sua attività di insegnante elementare a tempo pieno (e nonostante tutto non ha mai fatto mancare la sua fattiva collaborazione all'interno del Circolo).
Questa è andata sempre più aumentando quando, terminato il mandato di Sindaco, si è
dedicato con tutte le forze, alla gestione, assumendone la presidenza.
In questo periodo di tempo è stato aperto nei locali del Circolo, un bar aperto ai soci tutti i giorni con orari regolari, il quale è stato gestito per tantissimi anni dal socio Renato Petrini, scomparso qualche anno fa.
Sono state realizzate altre attività all'interno della struttura, come il teatro, di cui Ovidio Bartoletti è stato un grande appassionato.
In effetti, in questo periodo di tempo sono state rappresentate sul palco (anche questo autocostruito dai soci
volenterosi!) varie commedie, soprattutto in dialetto, con attori occasionali, reclutati fra gli stessi soci del Circolo, riscuotendo sempre un grande apprezzamento sia in zona, che fuori.
Purtroppo con la recente scomparsa di Ovidio Bartoletti questo genere di rappresentazioni non sono state più state realizzate, essendo venuto a mancare il principale artefice e coordinatore.
Oltre tutto questo, negli anni settanta i locali sono stati utilizzati anche per intrattenimenti danzanti, che dovevano essere anche una fonte di entrata per il sostentamento del Circolo stesso (
successivamente abbandonati con il sorgere di strutture più moderne e idonee a tele scopo).
I locali del Circolo attualmente vengono utilizzati anche per incontri di vario genere (sia a carattere sociale-culturale che pastorale per la parrocchia di Casine).
Alla fine degli anni ottanta, si è deciso di ristrutturare completamente il Circolo con lavori di adeguamento strutturale e di impiantistica.
Nel 2012, dopo varie edizioni della Sagra delle Pappardelle al Cinghiale, il circolo  ACLI FALCO, si è trasferito nella nuova sede sita a Casine
in via don Orione 2/B, adiacente allì’area verde “Il Boschetto”, area dove si svolge la Sagra delle pappardelle al cinghiale, manifestazione grazie alla quale si sono ottenuti i proventi per la sua costruzione.

Alcuni anni fa, Primo Pirani (uno dei soci fondatori) poco prima di morire riuscì a completare un interessante libro (Quando il FALCO cominciò a volare) che ripercorre le vicende storiche della frazione ed il circolo.